Storia dell’erboristeria: la sua nascita e lo sviluppo

Negli anni 60 a Perarolo di Arcugnano nel contesto dei Colli Berici la famiglia erboristica del Giardino Botanico dei Berici è stata creata allo scopo di occuparsi soltanto di prodotti vegetali aromatici e derivati, provenienti da colture gestite con i sistemi tradizionali.

Poi, per volontà del titolare signor Gianbattista Vagheggi a sostegno della propria linea di pensiero che “dopo oltre un secolo di ininterrotti successi della chimica farmaceutica, è universalmente sentito il desiderio di riscoprire e approfondire il valore delle sostanze di origine naturale. Ogni vegetale porta con se un quid di valore energetico proprio che può essere utile all’uomo”, dal 1965 l’azienda inizia ad applicare il metodo dell’Agricoltura Biodinamica (Demeter), insegnato già dal 1924 dall’antroposofo Rudolf Steiner.  La tisaneria biologica del Giardino Botanico dei Berici inizia così a confezionare erbe aromatiche e officinali oltre a derivati apistici provenienti da terre incontaminate, coltivate con il metodo biologico; quindi, escludendo prodotti chimici di sintesi

Nel contempo stesso per mantenere l’integrità organolettica naturale del prodotto, la lavorazione dello stesso è svolta in ciclo continuo, subito dopo il raccolto garantendo così l’integrità dei propri prodotti tenendo costantemente sotto controllo la genuinità delle materie prime e le caratteristiche di ogni singolo articolo.

 
colli berici - Copia

L’agricoltura naturale e l’erboristeria ecologica contrastano lo spreco di energia, materie prime costose e dannose per l’ambiente: non vengono utilizzati concimi chimici, pesticidi, diserbanti ed altre sostanze sintetiche industriali che avvelenano la terra, le piante, gli animali e infine l’uomo stesso. I metodi di coltivazione naturali favoriscono lo sviluppo economico, sociale e culturale del settore agricolo-alimentare e permettono allo stesso tempo agli agricoltori di lavorare in condizioni ottimali, producendo alimenti di alta qualità energetica e di valore nutritivo.

Quando il biologico incontra e si fonde con il sociale

invito - Copia

IL PONTE è una società cooperativa sociale sorta nel 1982. Scopo della cooperativa è l’inserimento nel mondo del lavoro di persone con disabilità, disagio psichico e sociale.

Per questo la Cooperativa si mantiene e organizza laboratori diversi, nei quali ogni persona sperimenta la gradualità della difficoltà del lavoro, partecipa alla vita lavorativa con altre persone, riconosce importante l’orario, la costanza, un metodo di lavoro.

Dopo decenni di esperienza e professionalità nel settore dell’assemblaggio meccanico e confezionamento di prodotti monouso, e l’incontro con l’azienda erboristica del Giardino Botanico dei Berici, la cooperativa ha sviluppato un nuovo settore di confezionamento di erbe essiccate (tisane e spezie) di tipo biologico e biodinamico.

 Il marchio storico creato nel 1965 ora acquisito da IL PONTE “Il giardino botanico dei Berici” con i marchi “Herbalia” e “Speziali” creati successivamente, hanno reso possibile nuove opportunità di lavoro che coinvolge direttamente tutte le persone svantaggiate della cooperativa e gli operatori per cui oggi anche la Cooperativa si trova a trasformare e commercializzare erbe aromatiche e spezie prodotte in Italia ed estero da aziende che lavorano per la cooperativa.

Il nostro primo impegno, non essendo produttori diretti, è quello di seguire la raccolta, l’essiccazione ed il trattamento delle aromatiche dei nostri fornitori.

I prodotti lavorati sono certificati biologici.

dist1
0480

Particolare attenzione è posta alla qualità, competenza e professionalità dei soci.

Nei nuovi laboratori asettici dedicati al settore erboristico, in spazi e luoghi adeguati, giorno dopo giorno, si rende concreta la possibilità di inserire le persone svantaggiate nelle varie fasi produttive.

Con il passare del tempo i macchinari utilizzati nei laboratori di erboristeria sono risultati ormai datati e obsoleti.

La cooperativa ha deciso così di acquistare due nuovi macchinari, uno per il confezionamento degli infusi con filtro salva-aroma (in gergo camicia) e una macchina cellofanatrice per creare una scatola più idonea alle richieste di mercato.

Questo per:

Preservare l’aroma del prodotto in modo più efficace, soddisfacendo pienamente il consumatore finale;

camicia
camicia1 (1)

Mantenere e potenziare la presenza dei nostri marchi sul mercato rinnovando il prodotto proposto;

Sviluppare un’azione commerciale ad ampio raggio, sia in Italia che all’estero.

Per quanto difficile, si ricercano ancor oggi prodotti, biologici e se possibile Demeter, perché, continua Gianbattista Vagheggi… “nessun essere umano alla lunga si ritiene soddisfatto di una nutrizione senza sapore e senza aroma. Cerchiamo ogni giorno di mantenere viva questa realtà proponendo il meglio di ciò che la natura ci offre”.

I marchi “Giardino Botanico dei Berici”,  “Herbalia” e “Speziali” sono realtà che continuano a sostenere valori di affidabilità, onestà e ricerca, difendendo la qualità del prodotto e promuovendone la competitività sul mercato.

Attualmente la produzione comprende una vasta varietà di erbe officinali e di spezie, sia biologiche che Demeter, mentre acquistiamo dall’estero le classiche “spezie orientali”.

dist2
LOGO SPEZIALI
logo herbalia 1

Ringraziamo ogni persona che con noi si adopera per sostenere il nostro lavoro.